Alle consorelle di Chianciano

J.M.J.T

(luglio 1893)

          Sempre carissime in Gesù,                                                                                                                                                                                                                                                              viva il nostro caro patrono san Giuseppe!                                                                                                                                                                                                                                 Oggi volevamo mandarvi tutto l’occorrente per l’altare e le altre cose che ci avete chiesto. Abbiamo insistito perché tutto vi arrivasse almeno mercoledì, non è stato possibile. Abbiate pazienza per questa settimana. Lunedì sicuramente vi spediremo tutto, compreso il bel conopeo fatto, anzi regalato dalla signora Elenina. Vedete dunque che aspettare non nuoce. Anche il tappetto per la predella, vedremo di mandarvelo finito.                                                                                                                                Se la mia salute non avesse risentito dei molti strapazzi, certo sarei venuta in questa settimana, dal momento che anche il Padre sta bene. Ma è meglio non abusare e rinunziare, per il momento, a questo viaggio per me tanto caro. Questo mese dovrò andare diverse volte a Viareggio perché non ho nessuno di cui fidarmi. Pazienza! Spero che troverete giuste queste mie decisioni, malgrado non piacciono né a me né a voi, non è vero?                                                                                                                    Care bambine, siamo consacrate nella vita religiosa per compiacere lo Sposo e non per fare a modo nostro, che Dio ci liberi! Domani, martedì, suor Reparata e suor Giustina cominceranno i famosi esami. Pregate per queste poverette. Come potete immaginare, sono molto nervose. Suor Rosalia è sempre buona, speriamo continui a essere così. Suor I. ha degli alti e bassi, ma per ora non c’è male. Le novizie sono sempre a Scandicci, si tratterranno fino a sabato. Dicono di starvi molto…    (Incompleta)