Haifa

Nel 1907 le prime tre suore arrivano ad Haifa, chiamate dai padri carmelitani per svolgere il loro apostolato nella parrocchia latina. Si realizza così il sogno della Beata Madre “Andremo al Carmelo!” Bettina aveva visto il Carmelo come una meta per la sua nascente Congregazione.
All’inizio le prime suore si dedicano all’insegnamento del taglio, cucito, ricamo e musica.

Nel 1919, il prof. Ernesto Schiaparelli, fondatore dell´Ansmi, associazione sorta per aiutare i missionari italiani, chiede la collaborazione dell´Istituto per dar vita ad una scuola regolare che piano, piano arriva a coprire il ciclo completo degli studi: un curriculum di studi di 12 anni che inizia con la scuola elementare e termina con il diploma di maturità. Attualmente la scuola conta novecento alunni.

 Gli elementi che caratterizzano la nostra presenza e proposta educativa sono l’attenzione ad una formazione umana e cristiana degli alunni, l’educazione al rapporto con Dio, con se stessi, con gli altri, con la realtà.
La scuola accoglie anche una piccola percentuale di alunni musulmani che, pur nel rispetto della loro fede, accettano l’impostazione di fondo dell’insegnamento: la crescita della persona, il rispetto, il confronto, la fraternità.
Si respira, quindi, un clima ecumenico e interreligioso che tende ad accogliere e valorizzare il positivo dell’altro e a comunicare le ricchezze che l’incontro con Cristo può dare ad ogni uomo.

L’attenzione è per la formazione integrale, sia degli insegnanti che degli alunni. E ciò si realizza con tempi di preghiera e di festa, con incontri e attività culturali diversificate.
Nella linea formativa di apertura verso l’altro gli studenti dei vari cicli sono impegnati in attività culturali e religiose; relazioni con altre scuole, sia arabe che ebraiche allo scopo di promuovere una convivenza pacifica, un’educazione al dialogo e al confronto nella logica della non violenza. Ogni settimana, nel pomeriggio, gli alunni possono seguire anche corsi di karaté, danza classica e moderna, dabki (la danza araba), disegno, musica e canto.

In tale contesto la scuola è l’ambito privilegiato per aiutare i giovani a trovare la loro identità in una realtà così complessa e multiforme, a donare speranza e volontà di costruire un futuro di pace, a incontrare Cristo.
Collaboriamo inoltre con i padri carmelitani della parrocchia latina nella catechesi, soprattutto la preparazione ai sacramenti, nell’animazione liturgica e nella pastorale giovanile.

La nostra azione non fa scalpore, ma aiuta, giorno dopo giorno a continuare il cammino iniziato dalle prime suore, un cammino che deve affrontare sfide sempre nuove, in questa Terra santa dove tutto parla di Gesù e delle sue opere, ma che porta ancora in sé i segni della divisione, della violenza e della sofferenza.

[Gallery not found]