A Maria Nardi

J.M.J.T

20 ottobre 1889

          Mia carissima Maria,

          lo Spirito Santo dimori in Te.

          Ho ricevuto con immenso piacere la tua lettera, nella quale ho appreso il disagio che hai sofferto nell’andare alla stazione a causa di un cavallo poco sicuro. Spero che la tua salute non ne abbia risentito.

          Credo che molto ci sia dell’arte del nemico della nostra salvezza il quale, non avendoti potuta vincere nella cosa della massima importanza, ti vuole perseguitare e confondere in molte cose da poco, tanto per vederti preoccupata. E sai perché fa tutto questo? Perché il miserabile dubita molto sul tuo avvenire, e con ragione, perché credo che il Signore abbia su di te dei bei disegni, purché tu non li ostacoli.

          Spero che martedì sarai da noi, e saprai da me delle belle cose riguardo il tuo avvenire; credo che ti consoleranno. Stai allegra, consola la tua buona mamma con la promessa che pregherai tanto per lei e per tutta la famiglia. Abbi cura della tua salute, non ti alzare presto come ti ho detto, perché il fresco non ti abbia a nuocere.

          Riguardo l’affare del tuo babbo, ho parlato a lungo con la Duchessa della triste figura che ci fa il Duca a non obbligare il contadino all’accordo con la Banca. La Duchessa mi ha detto che in tutti i modi vuol vedere di indurre il Duca a obbligare i suoi sottoposti sotto pena di essere cacciati dal podere; speriamo che questa buona signora ci riesca. Fra qualche giorno non sarebbe male mandare qualcuno dal Duca ad insistere ancora per vedere di indurlo a decidersi. Mi sembra che il signor Gatteschi sia la persona più influente. Però aspetterei qualche giorno perché sia prima preceduto dalla signora; io farò in modo di avvisare tuo babbo.

          Per la cotta, 40 lire sono poche a confronto del costo, ma se tu pensi di dover avere dei riguardi, fai pure come credi meglio conoscendo quanto ti stia a cuore il bene della comunità. Di Annina non mi dici nulla, speriamo bene. Alfonsino è sempre qui perché non hanno mandato il numero per marcare le sue cose.

          Il Signore ti benedica di una benedizione specialissima, che desidera per te di gran cuore la

                                                                                                                                                                tua aff.ma M.                                                                                                                                                                                    Suor Teresa della Croce

          P.S. Saluta tanto la mamma e tutta la famiglia. Non far vedere a nessuno questi spropositi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *